ANSA (© Copyright ANSA Tutti i diritti riservati)
Aggiornato il: 12/06/2012 | autore ANSA

'Azaria uccisa da un dingo' non fu la mamma

Caso divise Australia. Per morte della neonata fu accusata madre che fini' in prigione


'Azaria uccisa da un dingo' non fu la mamma

 SYDNEY  - Fu un dingo, il cane nativo dell'Australia, e non la madre Lindy Chamberlain a uccidere la piccola Azaria di 9 settimane nei pressi di Uluru, la montagna sacra degli aborigeni nel centro del continente, la notte del 17 agosto 1980. L'ultima parola sulla vicenda che ha diviso l'Australia fra innocentisti e colpevolisti, narrata anche nel film 'Un grido nella notte' di Fred Schepisi del 1988 con Meryl Streep nel ruolo della madre, e' arrivata dal verdetto della quarta inchiesta sulla scomparsa della piccola, oggi a Darwin.

Lindy Chamberlain fu originariamente condannata per omicidio ma rilasciata dopo tre anni e il suo primo marito Michael fu condannato per favoreggiamento con sentenza sospesa. Dopo che la giacchetta di Azaria era stata ritrovata nel deserto nel 1986, il caso fu riaperto e una commissione d'inchiesta nel 1987 esonero' entrambi i genitori. Durante quest'ultima inchiesta del coroner, il magistrato che accerta le cause di morte, e' stato testimoniato che diversi bambini sono stati attaccati da dingo negli ultimi anni. Ora il certificato di morte della piccola Azaria potra' essere corretto, come chiedevano i genitori, indicando la causa del decesso come "sconosciuta'.

1Commento
Segnala
Per favore aiutaci a mantenere una comunità sana e vivace segnalando ogni comportamento illegale o inappropriato. Se pensi che un messaggio violi leCodice di comportamentoper favore utilizza questo modulo per inviare notifiche ai moderatori. Loro faranno le verifiche sulla tua segnalazione e prenderanno le decisioni appropriate. Se necessario, riporteranno tutte le attività illegali alle autorità competenti.
Categorie
limite di 100 caratteri
Eliminare il messaggio?

approfondimento

messaggio promozionale

SùGiù

tutte le notizie