ANSA (© Copyright ANSA Tutti i diritti riservati)
Aggiornato il: 06/04/2011 | autore ANSA

Lampedusa: si rovescia barcone, tragedia in mare

'Anche bimbi tra vittime'. Incertezza sul numero dei dispersi, recuperate 48 persone


Lampedusa: si rovescia barcone, tragedia in mare

Sono 130-150 (alcune fonti parlano di 300 persone a bordo) i dispersi nel naufragio del barcone avvenuto in nottata, intorno alle 4, nel Canale di Sicilia. Tra le vittime ci sarebbero anche donne e bambini. Finora sono stati avvistati una ventina di cadaveri e sono state tratte in salvo 48 persone. Nella zona del naufragio stanno operando mezzi aerei e navali della Capitaneria di Porto, che hanno lanciato in mare zattere e salvagente. "Sono passate ancora poche ore dal naufragio - ha spiegato un operatore della Guardia costiera - per considerare perse tutte le speranze".

Le ricerche, coordinate dalla Centrale operativa della Capitaneria di Porto di Palermo, sono ostacolate dalle condizioni proibitive del mare, Forza 6, con raffiche di vento da Nord Oves che supera i 30 nodi. Le forze impegnate nei soccorsi fanno osservare che e' difficile sopravvivere ad una prolungata permanenza in mare in queste condizioni senza l'ausilio di un salvagente o di qualcosa che galleggi.

" Temiamo che molte persone possano essere morte": cosi' ha risposto all'ANSA una fonte contattata a Lampedusa, che sta seguendo le operazioni di soccorso.

OIM, SU BARCONE CIRCA 300 MIGRANTI  - Sarebbero state circa 300 le persone sulla barca che e' affondata questa notte nel canale di Sicilia. Lo riferisce l'Oim (Organizzazione internazionale per le migrazioni), che ha un team presente a Lampedusa, sulla base delle testimonianze raccolte dai sopravvissuti giunti nell'isola. Tra le vittime del naufragio ci sono anche alcuni migranti che pur sapendo nuotare sono morti nel tentativo di salvare i compagni in difficolta' in un mare con onde fino a tre metri. Lo riferisce personale dell'Oim che si trova sull'isola. I sopravvissuti al naufragio nel canale di Sicilia, giunti a Lampedusa, si trovano in ''stato di ipotermia e sono tutti sono choc''.

TESTIMONI, DONNE E BAMBINI TRA VITTIME - Ci sarebbero molte donne e bambini tra le vittime del naufragio. E' quanto si apprende dalle prime testimonianze riferite agli operatori umanitari dai sopravvissuti giunti in porto a Lampedusa. Ma dalla Capitaneria di porto spiegano che le notizie sono ancora molto frammentarie ed e' ancora presto per confermare questo dato.

Cinque extracomunitari, tra i sopravvissuti al naufragio nel Canale di Sicilia, sono ricoverati nel poliambulatorio di Lampedusa. Il cardiologo che li ha appena visitati ha riscontrato ipotermia ma complessivamente li ha trovati in discrete condizioni di salute. Tra le persone ricoverate c'e' anche una donna all'ottavo mese di gravidanza. Le sue condizioni non sono preoccupanti e anche il bambino, secondo quanto dicono i sanitari, sta bene.

TRAGEDIA AVVENUTA IN ACQUE MALTESI - Il naufragio del barcone e' avvenuto in acque Sar (le operazioni di ricerche e soccorso ndr) di competenza maltese, a 39 miglia da Lampedusa. Sono state proprio le autorita' della Valletta a segnalare il barcone in difficolta' alla centrale operativa delle Capitanerie di Porto di Roma, dopo avere ricevuto un Sos lanciato dal barcone attraverso un telefono satellitare. La Marina Militare maltese ha aggiunto di non essere in grado di intervenire.

Il barcone sarebbe partito quasi certamente dalla Libia. Alla Capitaneria di porto di Lampedusa questa ipotesi viene data "al 90 per cento", anche sulla base della posizione in cui e' avvenuta la tragedia, il tratto di mare tra Malta e Lampedusa. Si tratta di una rotta battuta dalle imbarcazioni provenienti dalle coste libiche rispetto a quella piu' a ovest seguita dai barconi partiti dalle coste tunisine.

IN 104 COMPRANO BARCONE, SBARCATI A LAMPEDUSA  - Avvistato nella serata di ieri, e' arrivato a Lampedusa mezz'ora dopo la mezzanotte un barcone con 104 migranti proveniente dalle coste tunisine. Almeno sei degli extracomunitari, tutti uomini, sono stati soccorsi dai medici perche' in stato di lieve ipotermia. I migranti sono stati accompagnati nel centro d'accoglienza dell'isola. Giunti al porto commerciale, "scortati" da una motovedetta della Guardia di finanza, hanno raccontato di aver acquistato la barca con una colletta di 400 euro a testa, servita per comprare anche un Gps, navigatore satellitare che consente di stabilire la rotta. Sadok, uno dei migranti, ha detto che nessuno di loro sapeva come condurre la barca: "Abbiamo programmato il Gps sulla rotta 74 gradi - ha spiegato - e siamo giunti fin qui". La bassa temperatura e un vento di discreta intensita' che soffiava da nord ovest hanno reso problematica la traversata.

GIUNTA A NAPOLI NAVE EXCELSIOR CON MIGRANTI - E' giunta a Napoli proveniente da Lampedusa la nave Excelsior, con 531 persone a bordo. Tra poco i migranti verranno fatti salire sugli autobus diretti al campo allestito nell'ex caserma Ezio Andolfato di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta. Sul molo 44 del porto di Napoli e' presente un ingente schieramento di forze dell'ordine e di volontari della Croce Rossa che provvederanno a fornire la prima assistenza agli immigrati.

0Commento

approfondimento

messaggio promozionale

Video

SùGiù

tutte le notizie