ANSA (© Copyright ANSA Tutti i diritti riservati)
Aggiornato il: 02/06/2012 | autore ANSA

Parata nel segno dell'Emilia

La sfilata preceduta da un minuto di silenzio per le vittime del sisma. Niente frecce Tricolori. Apprezzamento di Napolitano per una parata 'solenne ma sobria'. Alemanno diserta la cerimonia cosi' come Lega e Idv. Maroni: 'Buttano soldi nel cesso'. Di Pietro: 'Mancanza di rispetto'


Parata nel segno dell'Emilia

ROMA - Dopo un minuto di silenzio per onorare le vittime del sisma in Emilia, e' iniziata la sfilata ai Fori Imperiali per la festa della Repubblica. Presenti in tribuna d'onore il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, il presidente del Consiglio, Mario Monti, diversi ministri e le piu' alte cariche istituzionali. a Parata, articolata su tre settori, e' fortemente contenuta rispetto al passato. Ad un primo taglio di partecipanti deciso nell'ambito della spending review, e' stata aggiunto un ulteriore ridimensionamento dopo il terremoto che ha colpito l'Emilia.

Non sfileranno cosi' sistemi d'arma, cavalli e non ci saranno i tradizionali sorvoli delle Frecce Tricolori. Al passaggio davanti alla tribuna presidenziale, le bande e le fanfare interromperanno l'esecuzione delle musiche e marceranno con il solo rullare dei tamburi. Ai piedi della tribuna presidenziale sono posizionati i gonfaloni delle regioni e delle province colpite dal sisma. Il primo settore della parata comprende i reparti rappresentativi della formazione militare, scuole ed accademie. Il secondo comprende reparti impegnati nelle missioni internazionali. Nel terzo settore ci saranno enti e corpi impegnati nelle emergenze e nella cooperazione. In particolare, chiudera' la sfilata una simbolica rappresentanza di tutte quelle componenti, militari e civili, impegnate in Emilia nelle operazioni di soccorso e assistenza alle popolazioni colpite dal terremoto.

"Ho molto apprezzato come, senza nulla togliere alla solennita' della celebrazione, ella abbia saputo conferire all'evento i toni di sobrieta' ed essenzialita' che si impongono nel difficile periodo che sta attraversando il Paese. Cosi' Napolitano in un messaggio al ministro della difesa Di Paola.

"Un riconoscimento particolarmente sentito - ha detto Napolitano -  va ai reparti intervenuti con la Protezione Civile in soccorso dei cittadini emiliani che un disastroso terremoto ha, in questi giorni, cosi' duramente e dolorosamente colpito. Con il loro impegno essi testimoniano ancora una volta la totale dedizione delle Forze Armate alla nostra Italia ed alla sua gente di cui sono nobile espressione. Quei reparti saranno oggi virtualmente al fianco delle unita' che sfileranno in Roma". 

Napolitano aveva aperto, tra gli applausi, le celebrazioni con l'omaggio al Milite Ignoto. Presenti, tra gli altri, il presidente del Consiglio Mario Monti, i presidenti di Camera e Senato, Gianfranco Fini e Renato Schifani, il presidente della Corte Costituzionale, Alfonso Quaranta, il ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola e il capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Biagio Abrate.

"Il 2 giugno 1946 gli italiani, risorti dalle sofferenze di due guerre e spezzato il giogo della dittatura, completarono il loro lungo e difficile cammino verso un nuovo stato democratico, i cui principi fondanti trovarono poi mirabile sintesi nella Carta costituzionale, architrave delle istituzioni e supremo riferimento per il paese e per il cittadino". Lo ha sottolineato il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel consueto messaggio alle Forze armate in occasione del 2 Giugno. 

NON SI PLACANO LE POLEMICHE - Roberto Maroni e' tornato a ripetere la contrarieta' della Lega alle celebrazioni del 2 giugno, visto il terremoto che ha colpito l'Emilia e parte della Lombardia. "Non partecipiamo alle celebrazioni - ha spiegato - perche' queste feste, questi buffet, dovevano essere tutti cancellati per dare un aiuto concreto alle popolazioni colpite dal terremoto". Maroni ha definito "inopportuno festeggiare un evento mentre c'e' gente che soffre, gente che e' morta, gente che ha perso tutto e l'aiuto dello Stato poteva essere e deve essere molto piu' concreto che celebrare una festa facendo buffet e buttando soldi nel cesso".

"Mentre le famiglie delle vittime del terremoto piangono i loro cari e intere popolazioni stanno soffrendo, questa costosa parata di reparti militari e' una mancanza di rispetto, non solo nei confronti di quelle popolazioni ma anche dei principi della Repubblica". Lo scrive sul suo blog il leader Idv, Antonio Di Pietro, sottolineando che il suo partito non e' alla parata ma i militanti dell'Idv saranno in Emilia. "Questo - dice - e' il nostro solo modo per rendere un omaggio sincero alla Repubblica".

Il sindaco di Roma Gianni Alemanno ha scelto di non partecipare alla parata militare per celebrare il 2 giugno. A quanto si apprende, la decisione e' stata presa in coerenza con quanto dichiarato nei giorni scorsi dal primo cittadino che, alla luce dei danni in termini di vite umane ed economici provocati dal sisma in Emila, aveva detto di sperare che "la parata del 2 giugno fosse annullata per destinare quei soldi ai terremotati". Roma Capitale e' stata rappresentata dalla presenza del presidente dell'Asemblea capitolina Marco Pomarici che ha indossato la fascia tricolore.

169Commento
2 giu 2012, 09.29
avatar
Dimenticavo, stasera per la festa della repubblica, al quirinale, circa 2000 invitati cenano a base di ostriche e champagne, però nel fondo del loro cuore,soffrono per i terremotati e brindano al loro digiuno.Ancora una volta VERGOGNA!!
2 giu 2012, 08.13
avatar

REPUBBLICA. FESTA DELLA REPUBBLICA. Amavo vedere in tv la parata militare che si faceva ogni anno, sin da quando ero bambino. Ascoltare l' inno della Brigada Sassari mi faceva venire i brividi e mi emozionava.

Quest' anno non ho acceso neppure la tv, mi sarebbe venuto il voltastomaco nel vedere tutte le faccie di quei politici FALSI che fanno finta di soffrire per i terremotati, di soffrire quando aumentano le tasse, di soffrire per le disgrazie degli italiani repubblicani. FALSI. Vorrei proprio sapere se per la loro presenza li sul palco hanno riscosso qualcosa o lo hanno fatto per l' amore alla patria. Forse hanno raggiunto la parata con i mezzi pubblici. "No"!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Hanno fatto uso delle loro AUTO BLU con tanto di scorta.

Non so esattamente quanto è costata la parata; ci martellano con la solidarietà, donare soldi con sms, conti correnti per aiutare i terremotati, i poveri, la chiesa, la ricerca contro i tumori, i paesi del terzer mondo. 

 Ma i politici, i giornalisti, i famosi, i "VIP", fanno donazioni o per partecipare ad eventi a scopo benefico riscuotono anche fior di quattrini??????????

MA ANDATE TUTTI.........................................................!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

2 giu 2012, 08.10
avatar
Altro che parata nel segno dell'EMILIA.E' stata la parata del mettersi in mostra di questi farabutti pezzi di escrementi,  dovreste essere denunciati all'ONU per alto tradimento del popolo italiano.
2 giu 2012, 08.34
avatar
E alla fine hanno dovuto ridurre a poche ore la parata militare, dopo le innumerevoli proteste giunte da ogni parte d'ITALIA, che chiedevano l'abolizione della manifestazione, e destinare i sodi per i terremotati, ma ormai le varie mazzette erano già state elargite e se pur  se in forma ridotta, la manifestazione è andata in onda con la vergogna di tutta la nazione. Comunque le proteste sono servite, almeno, a ridimensionare l'evento, ci devono pensare gli italiani, visto che le istituzioni pensano solo a fare soldi, però soffrono!! vergognatevi
2 giu 2012, 10.57
avatar
PAGLIACCI..la parata è solo un'occasione di mettervi in mostra..e poi non ho mai capito il collegamento tra le forze armate e una festa che commemora  un referendum popolare ke ha portato alla repubblica..tutti belli schierati con i fucili puntati..cosa ce ne facciamo dei vostri fucili puntati?..sembrano le parate dei balilla..
2 giu 2012, 06.13
avatar
45500. Lo conosce questo numero Sig. Presidente?
2 giu 2012, 11.01
avatar

Credo Festeggiano il terremoto, lo spread a 500pt, la disoccupazione e l'IMU.  A seguire un bel pranzo, per loro è un'altra occasione di mangiare.

 

2 giu 2012, 09.14
avatar
napolitano,tu non rappresenti più nessuno...mettitelo in testa
avatar
hanno detto che la facevano , cosi è stato nonostante il disappunto di gran parte degli italiani, io non ci sono andato, molti ................SI, liberi di andarci ma se tutti disertavano l evento, si sarebbero resi conto che non contavano niente, fin quando gli italiani seguono ed applaudono QUESTI CLOWN di politicanti, è la dimostrazione di quanto l italiano è idiota..................fanno bene a buttarcelo nel cu.......o siamo noi a (non io ) avolerlo pertanto continuiamo a lamentarci e tenerli al governo
2 giu 2012, 09.43
avatar

LA NUOVA COSTITUZIONE ITALIANA:

 

L'Italia ex repubblica democratica è ora uno STATO PRESIDENZIALISMO DITATTORIALE

Fondato da POLITICI LADRONI

da MANTENUTI AMICI DEI POLITICI

da BANCHIERI e AFFINI

IL POPOLO DEVE SUBIRE E MANTENERCI

Segnala
Per favore aiutaci a mantenere una comunità sana e vivace segnalando ogni comportamento illegale o inappropriato. Se pensi che un messaggio violi leCodice di comportamentoper favore utilizza questo modulo per inviare notifiche ai moderatori. Loro faranno le verifiche sulla tua segnalazione e prenderanno le decisioni appropriate. Se necessario, riporteranno tutte le attività illegali alle autorità competenti.
Categorie
limite di 100 caratteri
Eliminare il messaggio?

approfondimento

messaggio promozionale

Video

SùGiù

tutte le notizie