ANSA (© Copyright ANSA Tutti i diritti riservati)
Aggiornato il: 30/06/2012 | autore ANSA

Tragedia in grotta a Palinuro: quattro sub perdono vita

Recuperati tutti i corpi, tre uomini e una donna


Tragedia in grotta a Palinuro: quattro sub perdono vita

PALINURO (SALERNO) - E' stato recuperato dai vigili del fuoco e dalla Guardia Costiera il cadavere dell'ultimo sub rimasto imprigionato nella "grotta del sangue" di Palinuro. Si tratta di Panaghiotis Telios. I quattro sub rimasti imprigionati nella grotta sono, dunque, tutti morti.

I quattro sub sono rimasti intrappolati dopo un'immersione nella 'Grotta del Sangue' a Palinuro (Salerno). Si erano immersi all'interno della grotta questa mattina in un gruppo di otto sommozzatori. Le ricerche sono scattate poco dopo mezzogiorno in seguito all'allarme lanciato da altri escursionisti preoccupati dal ritardo degli altri.

LE VITTIME -  I romani Andrea Pedroni, di 40 anni e Douglas Rizzo, di 41 e Susy Covaccini, di 36 anni, salernitana e Panaghiotis Telios, di 23 anni, di origine greca ma residente a Reggio Calabria.

E' ricoverato in osservazione all'ospedale di Vallo della Lucania il titolare del diving center che aveva organizzato l'escursione. Roberto Navarra si era immerso nella grotta preoccupato per il ritardo dei quattro nella fase di risalita. Riemerso e risalito a bordo da solo, e' stato colto da un malore.

LE IPOTESI - L'oscurita' o il cedimento strutturale di una parete della grotta: sono le ipotesi prese in considerazione per la tragedia. Il buio - secondo alcuni sub - potrebbe aver determinato la perdita di contatto tra gli otto componenti del gruppo: quattro sarebbero riusciti a guadagnare l'uscita della grotta, gli altri sarebbero rimasti intrappolati. Viene valutata anche l'ipotesi del cedimento di una parete di un cunicolo della grotta: i sub sarebbero rimasti imprigionati tra le rocce crollate all'improvviso nel cunicolo che collega l'interno della grotta alla sua uscita.

"Non sono immersioni difficili, ma bisogna rispettare certi standard, come la presenza di una guida, un tot numero di persone nel gruppo con un tot numero di brevetti di immersione di un certo tipo", ha detto Mario Marinucci, una guida subacquea di un centro immersioni vicino a quello - il Pesciolino Sub - a cui facevano riferimento quattro sub rimasti intrappolati.

ALTRI INCIDENTI - Ma la giornata e' stata funesta anche per altri sub, al largo di Capri e in Sardegna. Un incidente mortale e' avvenuto infatti anche nel mare di Capri, al largo della Punta di Tiberio. Un uomo di 70 anni, residente a Napoli, durante un'immersione subacquea guidata di una societa' di diving di Baia, e' stato colto da malore, e nonostante i disperati tentativi per salvarlo e' morto nel corso della sua risalita. L'istruttore 55enne e' stato portato al pronto soccorso di Capri dove si trova in osservazione. Immediatamente da bordo e' partita la richiesta di soccorso al 1530, il numero d'emergenza dedicato dalla Capitaneria alla richiesta d'aiuto in mare, e dalla Circomare di Capri e' partita una motovedetta, la CP858, con alcuni marinai a bordo, che dopo aver allertato il 118, sono arrivati sul luogo per prestare i soccorsi, ma purtroppo hanno potuto constatare che non c'era piu' nulla da fare. L'imbarcazione del diving club e' stata scortata fino al porto di Marina Grande con l'uomo esanime a bordo ed un altro subacqueo, che aveva tentato di soccorrerlo, colto da malore. Sulla banchina del porto di Capri, l'autoambulanza del 118 e quella della San Vincenzo, che si sono diretti a sirene spiegate verso il Capilupi. Ai sanitari non e' rimasto altro che constatare il decesso del settantenne.

Un sub e' inoltre disperso in Sardegna. Francesco Leone, di 27 anni, si era immerso alle 6:30 di questa mattina. E' un carrozziere sassarese. Lo stanno cercando dalla tarda mattinata gli uomini della Capitaneria di Porto Torres, i sommozzatori dei Vigili del fuoco e, a terra lungo la costa, i carabinieri. L'immersione era stata programmata di prima mattina con un amico a Stintino, nella zona del Bagaglino. Ad un certo punto, Francesco Leone e' scomparso alla vista del secondo sub, che si e' messo invano alla sua ricerca. Intorno alle 12.30, l'amico ha desistito e ha deciso di tornare a riva per lanciare l'allarme.

28Commento
30 giu 2012, 14.26
avatar
Faccio presente ,che i SUB salvano moltissime persone,a loro rischio vedi con la Concordia,loro cercavano persone da salvare,rischiando la loro vita. Purtroppo oggi e successa una tragedia ,mi dispiace molto di questo ,dopo tanto stress,anche loro anno bisogno di divertimento.
30 giu 2012, 14.49
avatar
per me qualcuno parla a vanvera, la subacquea è un attività ludica o professionale,non inquina ne è in contrasto con il mare,non è particolarmente pericolosa se si rispettano rigidamente le regole, purtroppo oggi è successa una disgrazia, ci possiamo solo fermare, pensare e non dire nulla, perchè oltre a capire le dinamiche per imparare dagli errori altrui, noi non siamo giudici della vita altrui, ognuno accetta i pericoli e ne trae i suoi vantaggi e gli svantaggi.
l immersione in grotta richiede un po di esperienza ma non è un azzardo, io faccio immersioni anche profonde, ne accetto i rischi, le paure, tutto, quando riemergo e per gli anni a seguire ho sempre dei bellissimi ricordi, ma se mi dovesse succedere qualcosa non lo trovo giusto che qualcuno dica che io abbia sbagliato a coltivare un hobby..vivere sotto una campana di vetro non ha senso.
30 giu 2012, 13.12
avatar
a questo punto cosa rimane da dire che dio li accoglie bene a tutti . mandiamo tanti saluti virtuali , e condoglianze ai familiari delle 4 vittime .
30 giu 2012, 15.34
avatar
Ciao ragazzi,nn c'è molto da  dire. quello che è successo oggi è una tragedia!!! Da sub mi auguro che nn succeda mai più.
per rispondere a certe persone, che prima di dare fiato alla bocca sarebbe meglio che pensassero a cosa dire, noi nn siamo tuffatori da strapazzo e sopratutto nn ci immergiamo per inquinare o fare chissà cos'altro.
il sub ama il mare, e scende per conoscerlo, una delle prime regole che ti insegnano ai corsi per sommozzatori è proprio il rispetto per il mare e per tutte le creature che lo popolano!!!!!!! la nostra è una passione!!!!!! nn solo un modo per far passare il tempo a discapito del mare!!!!!!
30 giu 2012, 14.46
avatar
Perche' le persone non capiscono che dietro una morte ci sono figli che piangono,mogli ,genitori e invece di parlare a sproposito non fanno un regalo e stanno in silenzio
30 giu 2012, 13.10
avatar
bene io credo che bisogna divertirsi , esplorare , cercare , ma rischiare la vita ragazzi proprio no , la vita e bella e va vissuta fino in fondo bene .
30 giu 2012, 14.24
avatar
Aldo secondo me, essendo tu un grande ignorante in materia, dovresti solo stare zitto e rispettare il dolore dei familiari.
30 giu 2012, 14.24
avatar
Aldo secondo me, essendo tu un grande ignorante in materia, dovresti solo stare zitto e rispettare il dolore dei familiari.
30 giu 2012, 14.08
avatar
Aldo, non mi sembri molto spiacente per chi ci "ha rimesso la pelle", visto che sei un gran maleducato ed offensivo verso chi pratica subacquea o alpinismo ecc  e soprattutto nei confronti di queste persone che hanno perso la vita oggi. A te non danno nulla e non tolgono nulla, per cui non c'è motivo di ingiuriarli. Per tua informazione chi pratica la subacquea, chi va a camminare in montagna o pratica alpinismo  ama la natura e la rispetta! Vergognati!
Un abbraccio alle famiglie delle vittime.


30 giu 2012, 17.55
avatar
le mie più sentite condoglianze per le povere vittime di questo terribile incidente..
Segnala
Per favore aiutaci a mantenere una comunità sana e vivace segnalando ogni comportamento illegale o inappropriato. Se pensi che un messaggio violi leCodice di comportamentoper favore utilizza questo modulo per inviare notifiche ai moderatori. Loro faranno le verifiche sulla tua segnalazione e prenderanno le decisioni appropriate. Se necessario, riporteranno tutte le attività illegali alle autorità competenti.
Categorie
limite di 100 caratteri
Eliminare il messaggio?

approfondimento

messaggio promozionale

SùGiù

tutte le notizie