• Giochi Olimpici
Aggiornato il: 19/03/2012 16.43 | di pa.press.net

Ciclismo - Strada

Le gare di resistenza classiche, come il Tour de France, hanno contribuito a promuovere il ciclismo su strada, uno degli sport ricreativi in più rapida crescita al mondo.


Un gruppo di ciclisti compete nella gara di ciclismo su strada. (© Press Association)

Un gruppo di ciclisti compete nella gara di ciclismo su strada.

Ciclismo - Strada

Le gare di resistenza classiche, come il Tour de France, hanno contribuito a promuovere il ciclismo su strada, uno degli sport ricreativi in più rapida crescita al mondo.

Le prime bici con catena furono sviluppate nel XIX secolo. Con il tempo il ciclismo si è evoluto: da semplice forma di trasporto è diventato uno sport professionistico estremamente competitivo che attira grandi folle e numerosi telespettatori ai grandi eventi.

Lo scopo è completare un percorso nel minor tempo possibile. Questo obiettivo non è cambiato da quando fu organizzata la prima gara ciclistica su strada in occasione dei Giochi inaugurali dell'era moderna nel 1896.

In quell'occasione solo sei ciclisti corsero su una distanza di 87 km, completando due giri del percorso della maratona in Grecia, da Atene a Maratona e ritorno.

Sebbene il ciclismo su strada fu escluso dal programma per le tre edizioni successive delle Olimpiadi, venne reintegrato definitivamente nel 1912.

Oggi la gara su strada maschile è lunga 250 km circa, mentre l'evento femminile, che fu introdotto nel 1984, copre una distanza intorno ai 140 km.

In entrambi gli eventi i ciclisti partono in linea e vince chi taglia per primo il traguardo.

La resistenza e capacità ciclistiche avanzate sono fondamentali, così come lo sono la strategia e la tattica necessarie per compiere la mossa giusta al momento giusto e per essere nella posizione ideale per lo sprint finale.

I ciclisti hanno inoltre l'appoggio di una valida squadra con cui condividono il carico di lavoro in uno degli eventi più estenuanti delle Olimpiadi.

L'altro evento di ciclismo su strada incluso nel programma olimpico è la prova a cronometro individuale, che fu introdotta solo ad Atlanta 1996. Prima di allora fu organizzata solo una prova a cronometro tra il 1912 e il 1992.

La prova a cronometro è un evento più corto in cui i ciclisti corrono contro il tempo. Per gli uomini è lunga 44 km e per le donne 29 km. Richiede uno sprint più sostenuto sin dall'inizio. I concorrenti partono a intervalli di 90 secondi e vince il ciclista che registra il tempo migliore.

L'Italia e la Francia sono i paesi che hanno vinto più medaglie nel ciclismo su strada maschile alle Olimpiadi. Tra le donne, invece, le nazioni più forti sono l'Australia e i Paesi Bassi.

Prima di Londra 2012, gli olandesi sono gli unici ad avere vinto sia la gara su strada sia la prova a cronometro con i due ori di Leontien Zijlaard-van Moorsel a Sydney 2000.

(Continua)
0Commento

Ultime notizie

Doping, niente squalifica per Macchi
Doping, niente squalifica per Macchi

Il ciclista escluso dalle Paralimpiadi di Londra 2012 è stato prosciolto da ogni accusa per le sue frequentazioni con il dottor Michele Ferrari.