• Giochi Olimpici
Aggiornato il: 19/03/2012 16.43 | di pa.press.net

Sollevamento pesi

Gli uomini e le donne più forti del pianeta possono sollevare fino a tre volte il loro peso nel corso di una competizione olimpica di sollevamento pesi.


Un sollevatore si prepara a sollevare un peso. (© Press Association)

Un sollevatore si prepara a sollevare un peso.

Sollevamento pesi

Gli uomini e le donne più forti del pianeta possono sollevare fino a tre volte il loro peso nel corso di una competizione olimpica di sollevamento pesi.

Questo sport rappresenta la prova più pura della forza umana, ma richiede anche una tecnica eccellente. I concorrenti devono sollevare un bilanciere su cui sono montati dei pesi sopra la testa.

Una competizione olimpica di sollevamento pesi comprende due specialità: lo strappo e lo slancio. Entrambe le discipline prevedono l'utilizzo di un bilanciere.

Nello strappo l'atleta deve sollevare il bilanciere sopra la testa in un unico movimento.

Nello slancio l'atleta esegue il sollevamento in due fasi. In questo modo può sollevare pesi maggiori. L'atleta porta prima il bilanciere all'altezza delle spalle e poi solleva il peso al di sopra della testa.

Ogni atleta ha a disposizione tre tentativi. Affinché un sollevamento conti, deve essere considerato valido da almeno due dei tre giudici.

Sebbene ogni concorrente possa sollevare il peso desiderato, non può ridurlo dopo un tentativo non riuscito.

Vince la medaglia d'oro l'atleta che solleva il peso maggiore combinato dopo le due prove. In caso di parità si aggiudica il titolo il concorrente che pesa di meno.

A Londra 2012 sono previsti otto categorie di peso per gli uomini, dai 56 kg agli oltre 105 kg, e sette categorie per le donne, dai 48 kg agli oltre 75 kg.

Ad Atene 2004 l'iraniano Hossein Rezazadeh ha sollevato 263,5 kg nella prova di slancio stabilendo il record per il maggior peso mai sollevato, l'equivalente all'incirca di cinque pugili olimpici pesi mosca.

(Continua)
0Commento

Ultime notizie

Doping, niente squalifica per Macchi
Doping, niente squalifica per Macchi

Il ciclista escluso dalle Paralimpiadi di Londra 2012 è stato prosciolto da ogni accusa per le sue frequentazioni con il dottor Michele Ferrari.